Skip to navigation (Press Enter) Skip to main content (Press Enter)

Un inizio da sogno

Ora si parte davvero, oltre 500 giovani professionisti hanno intrapreso i compiti della prima giornata di competizione. Secondo gli esperti, le due ragazze e i sei ragazzi dello SwissSkills Team hanno subito lasciato da parte il nervosismo e procedono bene lungo il proprio percorso, con grande impegno e sudore.

«Per il momento, emotivamente va molto bene», così ha riassunto Roger Gabler la sua impressione sulla prima giornata di competizione. Il capo degli esperti per i lattonieri è responsabile insieme ai suoi colleghi europei che tutto si svolga perfettamente e senza intoppi e che sia presente tutto ciò di cui i candidati hanno bisogno per lavorare. Anche per quanto concerne il suo assistito Pascal Gerber è fiducioso: «Pascal è in perfetto orario sulla tabella di marcia e lavora secondo il suo schema, come si è preparato. Direi che sta andando davvero bene.» 

Tanto sudore e un po’ di dolore

Non c’è da meravigliarsi se il 20enne argoviese si è prefissato come obiettivo nientemeno che la medaglia d’oro e per ottenerla «darà tutto». Anche il gessatore-costruttore a secco Philippe Bütschi ha iniziato la prima giornata con il massimo dell’impegno. Talmente tanto impegno che sul mezzogiorno ha avuto bisogno di una nuova maglietta, perché la sua era già zuppa di sudore. I teamleader sono dunque giunti in soccorso per la prima volta. Laurent Seppey e Silvia Blaser hanno procurato una nuova maglietta e lavato via il sudore dalla prima, per poi appenderla ad asciugare al sole pomeridiano fuori dal padiglione.

Già prima dell’inizio effettivo dell’impiego, l’installatore elettricista Daniel Gerber aveva mostrato un po’ troppo zelo. In quanto portatore del campanaccio infatti, lo ha scosso così forte durante la cerimonia d’apertura, che la mattina seguente accusava dei dolori alle gambe. Tuttavia, questo non gli ha impedito di dare il massimo sin dall’inizio. All’insegna del suo motto personale per gli EuroSkills, desidera essere d’esempio nella sua professione per le leve future. 

Perfettamente organizzati

In generale tutti i partecipanti sono rimasti impressionati dall’ottima organizzazione di questi EuroSkills. «Tutto ok», afferma Andreas Marbacher, esperto per i pittori decoratori: «Gli aiutanti ungheresi hanno preparato tutto alla perfezione, questa volta non c’è assolutamente alcun problema.» Tutto talmente perfetto e moderno, che all’interno delle superfici è possibile pagare soltanto con le carte. Addirittura presso i chioschi non esiste più una cassa per i piccoli importi, bensì unicamente dei dispositivi di lettura delle carte.

Visualizzare tutte le immagini