Skip to navigation (Press Enter) Skip to main content (Press Enter)

La Svizzera agli WorldSkills: “Migliorare grazie al confronto”

Da due giorni le giovani leve dei professionisti svizzeri affrontano la concorrenza internazionale agli WorldSkills di Abu Dhabi. Per il nostro paese gli WorldSkills rappresentano una fantastica opportunità di dimostrare l’efficienza del sistema di formazione svizzero e dell’economia svizzera. Contemporaneamente il confronto con altre nazioni fornisce in particolare alle associazioni professionali preziose conoscenze per il futuro.

Il team svizzero composto da 38 partecipanti gareggerà ancora fino a mercoledì sera per raggiungere il podio ai Campionati Mondiali delle Professioni che si tengono nella capitale degli Emirati Arabi Uniti. “Gli WorldSkills sono un indice della competitività internazionale della nostra formazione professionale, anzi dell’intero sistema di formazione”, afferma il membro del governo cantonale Reto Wyss, presidente della Fondazione SwissSkills e direttore della formazione e della cultura del Canton Lucerna. I membri del team svizzero mostrano, con le loro prestazioni straordinarie, quale eccellenza può essere raggiunta attraverso la nostra formazione professionale, aggiunge Wyss. “In questo modo possiamo inoltre illustrare ai giovani quali prospettive di evoluzione offre il nostro sistema di formazione professionale.”

Possibilità di confronto per le associazioni professionali

Anche per Josef Widmer, direttore supplente della Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI) gli WorldSkills sono “un’ottima possibilità di rappresentare positivamente i punti di forza della nostra formazione professionale.” Proprio alle associazioni professionali la partecipazione agli WorldSkills offre importanti conoscenze. Dai risultati di Abu Dhabi si trarranno conclusioni che influiranno sulla formazione professionale. “Riconosciamo dove è necessario agire per essere presenti a livello internazionale anche in futuro e adottare le correzioni necessarie in caso di bisogno. Il confronto internazionale ci aiuta a migliorare”, aggiunge Josef Widmer.

Dura lotta con la concorrenza

Tuttavia per l’interpretazione dei risultati è necessario un approccio differenziato. “Quella che stiamo vivendo qui non è in prima linea una gara tra sistemi di formazione, bensì una gara tra i singoli partecipanti”, dichiara Widmer. Agli WorldSkills partecipano sempre più nazioni che non dispongono di alcun sistema di formazione professionale vero e proprio, tuttavia i loro partecipanti si sono preparati per anni in modo specifico ai campionati mondiali, esercitando le competenze richieste. La lotta con la concorrenza è diventata sempre più dura. I membri dello SwissSkills Team assolvono invece la molto più diffusa e “normale” formazione professionale svizzera. “Possiamo essere fieri di riuscire a tenere il passo così bene in queste condizioni. Ciò dimostra le ampie basi e la qualità offerte dal nostro sistema di formazione professionale”, afferma il presidente SwissSkills Reto Wyss. Tuttavia anche nel team svizzero nel corso degli anni la preparazione specifica agli WorldSkills ha acquisito importanza. I partecipanti e i relativi esperti si preparano per circa un anno in modo intensivo alla partecipazione agli WorldSkills, ma al contrario della concorrenza lo fanno per la maggior parte nel loro tempo libero. “Questo sforzo supplementare è necessario per la riuscita. Ciò sottolinea però anche l’enorme disponibilità ed efficienza dei nostri giovani professionisti che rappresentano in modo fantastico la Svizzera qui ad Abu Dhabi”, spiega Reto Wyss.

Avviso: comunicazione dei risultati

Le competizioni degli WorldSkills dureranno fino a mercoledì sera. I risultati verranno resi noti solo in occasione della cerimonia di chiusura di giovedì sera.

Visualizza documenti stampa relativi a queste News