Skip to navigation (Press Enter) Skip to main content (Press Enter)

In visita a una scuola … poi dritti nel deserto

I professionisti svizzeri si mettono alla prova come attori. Durante la visita alla Al Bateen Academy, attraverso la pantomima presentano le loro professioni agli alunni incuriositi, che devono poi indovinare di cosa si tratta. Nel pomeriggio li attende un ricco programma di intrattenimento per il primo incontro con i loro concorrenti. Nel mezzo del deserto è stata allestita per questo scopo una gigantesca città beduina.

Worldskills - Abu Dhabi 2017

«È bellissimo poter accogliere il team svizzero qui nella nostra scuola», dice David Hutson, preside dell’Al Bateen Academy. Una splendida occasione per unire culture e nazionalità diverse. Non c’è da meravigliarsi che questo evento sia per lui molto importante, nella sua scuola infatti ci sono alunni provenienti da 63 nazioni diverse e le lezioni si svolgono in lingua inglese.
«È stato davvero divertente», racconta Ueli Müller, segretario generale di SwissSkills che sembra molto colpito dall’esperienza vissuta: un piccolo bazar, un calligrafo che mostra la sua arte con due matite contemporaneamente; un falconiere con i suoi rapaci sulle braccia, con cui ci si può far fotografare; possibilità di assaggiare tè e caffè arabi. Il tutto con l’accompagnamento musicale di un bambino di otto anni, che abilmente estrae melodie orientali dal suo oud (chitarra araba a 4 corde). I visitatori svizzeri familiarizzano con tanti aspetti della cultura araba.

I professionisti svizzeri diventano mimi

In questa affascinante atmosfera, lo SwissSkills Team si presenta ai 150 incuriositi alunni delle scuole elementari. Con un gioco di mimi presentano le loro varie professioni e chiedono ai bambini di indovinare di quale professione si tratti. Una variante giocosa, ideata e preparata dagli stessi professionisti svizzeri durante il Pre-Camp. In cambio, gli alunni impegnati mostrano ai visitatori svizzeri alcuni aspetti della storia del loro Paese, eseguono danze popolari tradizionali e recite.
La mattinata è coronata da un ricco buffet con piccole specialità regionali e da tutto il mondo. A preparare queste prelibatezze e ad allestire il tutto con cura sono state le mamme degli alunni.

Una città beduina nel mezzo del deserto

Nel pomeriggio, una carovana di autobus che sembra infinita si fa strada da Abu Dhabi nel deserto rovente (41 gradi). La destinazione è una città beduina a circa 60 km a sud-est, nel mezzo del deserto di Al-Khatim. Qui si incontrano per la prima volta i circa 1300 partecipanti alle WorldSkills di quest’anno, per vivere un programma tutto arabo che comprende elementi tradizionali come il rituale di saluto con l’acqua e il telo per il lavaggio delle mani, tatuaggi all'henné, corse di cammelli e il cantastorie intorno al fuoco, così come uno spettacolare safari in jeep fra quelle che qui vengono chiamate le «dune dorate di Abu Dhabi». Non può mancare, ovviamente, il tradizionale barbecue arabo (a 5 stelle, nota bene) durante la serata.

Visualizzare tutte le immagini