Skip to navigation (Press Enter) Skip to main content (Press Enter)

BERNEXPO, Berna
12 – 16.09.2018

I prossimi SwissSkills centralizzati si terranno nel 2020 a Berna

Dopo il grande successo degli SwissSkills 2018, nel settembre 2020 si ripeteranno a Berna i campionati svizzeri delle professioni centralizzati. L’Associazione SwissSkills Bern ha già dichiarato su richiesta della Fondazione SwissSkills che organizzerà gli SwissSkills 2020.

In seguito agli SwissSkills 2018 l’Associazione SwissSkills Bern e la Fondazione SwissSkills, incaricate dell’organizzazione, hanno condotto un’analisi esaustiva. I sondaggi e le valutazioni hanno confermato la prima impressione: gli SwissSkills 2018 sono stati percepiti in modo estremamente positivo da tutte le persone direttamente coinvolte, dai visitatori ma anche dall’intera popolazione svizzera – e questo in tutte le regioni del paese.

“Gli SwissSkills 2018 hanno portato la formazione professionale al centro dell’opinione pubblica svizzera in modo affascinante ed emozionale”, afferma Reto Wyss, presidente della Fondazione SwissSkills. I campionati delle professioni centralizzati sono un’occasione ideale per promuovere l’immagine e la reputazione dell’apprendistato professionale. “Con una cadenza di svolgimento biennale desideriamo dar seguito ad una storia di successo e garantire che la formazione professionale in futuro disponga regolarmente di una vetrina così attrattiva”, aggiunge Reto Wyss.

Consigliere federale Schneider-Ammann: “Una vetrina unica in tutto il mondo per la nostra formazione professionale”
“Gli SwissSkills sono un esempio lampante di come l’economia privata e la mano pubblica collaborano con successo nella formazione professionale”, dichiara il consigliere federale Johann N. Schneider-Ammann. “La Svizzera dispone di un sistema di formazione ammirato in numerosi paesi. Con gli SwissSkills centralizzati a cadenza regolare abbiamo creato ora una vetrina unica al mondo per la nostra formazione professionale”, si rallegra il ministro dell’economia.

Un ruolo particolarmente decisivo per gli SwissSkills centralizzati è ricoperto dalle associazioni professionali. Queste ultime si sono dichiarate pronte, con una cadenza biennale, ad intraprendere sforzi ancora maggiori di cui l’intera formazione professionale svizzera potrà approfittare. La Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI) sosterrà in futuro tali sforzi con un incentivo diretto alle associazioni professionali.

Berna: il miglior luogo di svolgimento per i prossimi anni
Oltre al futuro ritmo di svolgimento, la Fondazione SwissSkills si è occupata delle possibili città in cui allestire i campionati delle professioni centralizzati. “Attualmente Berna soddisfa come unico luogo tutti i nostri criteri. Accanto alle superfici espositive a disposizione con un’area totale di almeno 100’000 m², anche la posizione centrale e l’ottimo collegamento con i trasporti pubblici dalle diverse parti del paese rappresentano un fattore molto importante. Berna come capitale federale ci consente inoltre di posizionare ulteriormente, con il benestare di tutte le regioni linguistiche, gli SwissSkills centralizzati come evento e marchio significativo a livello nazionale”, spiega il presidente SwissSkills Reto Wyss.

Premesse soddisfatte – il comitato di SwissSkills Bern dice sì a SwissSkills 2020 “Per noi la richiesta della Fondazione SwissSkills di organizzare nuovamente gli SwissSkills centralizzati è un grande onore, una fantastica dimostrazione di fiducia, ma anche un impegno”, afferma Claude Thomann, presidente dell’Associazione SwissSkills Bern. Nelle ultime settimane il CO di SwissSkills 2018 ha lavorato al soddisfacimento delle diverse premesse, condizione per un nuovo svolgimento di successo degli SwissSkills centralizzati.

Così sono giunti da Confederazione, Cantone e Città di Berna i consensi fondamentali per il sostegno finanziario necessario per la prossima edizione. Le catene radiotelevisive della SRG SRF, RTS e RSI accompagneranno nuovamente a livello mediatico e in modo esaustivo i prossimi SwissSkills centralizzati. Come data prevista per lo svolgimento è stato riservato presso Bernexpo il periodo tra il 9 e il 13 settembre 2020.

“Abbiamo potuto inoltre condurre dei colloqui costruttivi con gli organizzatori delle fiere professionali importanti per il processo di scelta della professione. Allestiremo e posizioneremo insieme gli SwissSkills centralizzati e le fiere professionali regionali in modo da consolidarci reciprocamente e garantire una funzione complementare ad entrambi i format all’interno del processo di scelta della professione”, spiega Claude Thomann. “In questo modo tutte le premesse definite saranno soddisfatte e il nostro comitato oggi ha potuto prendere una decisione positiva in merito allo svolgimento degli SwissSkills 2020 a Berna.”

André Burri succede a Patrick Magyar in veste di direttore Un cambiamento rispetto agli SwissSkills 2018 riguarderà la direzione operativa. Il direttore uscente Patrick Magyar si ritira come da lungo previsto a fine anno e nella primavera dell’anno venturo si trasferirà in Italia. Come successore è stato eletto André Burri, già responsabile generale del progetto durante la prima edizione degli SwissSkills centralizzati nel 2014. Burri sarà assistito nella direzione da Nicole Gull (operations) e Roland Hirsbrunner (comunicazione). Entrambi hanno ricoperto dei ruoli chiave già durante gli SwissSkills 2018.

“Patrick Magyar ha assunto la direzione di SwissSkills Marketing & Events e dell’Associazione SwissSkills Bern nel dicembre 2016. In breve tempo e con enorme impegno ha acquisito familiarità con le tematiche di SwissSkills. Insieme al presidente del CO di Berna, Claude Thomann, Patrick Magyar ha creato un tandem di successo”, tira le somme Reto Wyss. “Patrick Magyar ha contribuito notevolmente al grande successo degli SwissSkills 2018 e all’eccezionale sviluppo del marchio SwissSkills negli ultimi anni. Ha fondato con il cuore e con enorme impegno le basi di cui non solo SwissSkills ma anche l’intera formazione professionale potrà beneficiare sul lungo termine”, così Reto Wyss e Claude Thomann elogiano il lavoro di Magyar.