Kick-Off Davos

38 campionesse e campioni svizzeri delle professioni provenienti da 18 cantoni si sono incontrati nel Canton Grigioni. Il fine settimana KickOff è la prima occasione in assoluto in cui l'intera delegazione svizzera si incontra per le WorldSkills di Londra 2011. Fatta eccezione per il rappresentante dei muratori, che si conoscerà soltanto a febbraio, tutti i candidati e le candidate, insieme ai loro esperti e al resto dello staff della delegazione, si sono dati appuntamento lo scorso venerdì a Coira. Ad attendere il folto gruppo di 90 elementi un programma intenso e vario.

Venerdì: prima uscita comune e un Consigliere federale

Per prima cosa hanno fatto visita alla Scuola professionale di Coira, dove tutti insieme, candidate e candidati, si sono presentati al pubblico per la prima volta. Le classi interessate, insieme ai loro insegnanti e ai politici dall’EISRAETTEN, si sono informate su come si sentissero i partecipanti, in particolare i tre grigionesi, nell’affrontare questa grande sfida.

Nella veste di intervistatore abile ed eloquente, il direttore dell’Unione Svizzera Jürg Michel. Il successivo evento di punta ha atteso i giovani partecipanti dopo un breve viaggio in autobus – nota bene: l'autobus dell’HCD (Hockey Club Davos) – a Klosters, dove la delegazione è stata presentata ufficialmente per la prima volta alla conferenza invernale dell’Unione Svizzera delle arti e mestieri (sgv). Ad accoglierli anche il Consigliere Ueli Maurer, che ha espresso loro i suoi auguri per la vittoria con manifesto orgoglio.

Sabato: tutti a scuola e a mangiare fonduta

Sabato mattina, senza poltrire troppo, tutti a scuola all’Oberstufenzentrum di Davos, dove sono state fornite tantissime informazioni, sono state fatte le foto necessarie e prese le misure per le divise della delegazione e da lavoro.

Nel pomeriggio il Consiglio comunale di Davos ha ricevuto la delegazione e il vicesindaco Robert Ambühl ha sottolineato in particolare lo spirito di squadra necessario per un'impresa di questo genere.

A seguire, una parte di programma finalmente rilassante ed unica: sotto un cielo stellato hanno raggiunto in carrozza la Valle di Sertig per un ponce corroborante con fonduta a seguire. Sponsorizzato dallo SwissSkills Supporter Club.

Domenica: in slitta e ad ammirare castelli da sogno

Domenica si è trattato praticamente di un evento di animazione meramente turistico. Per prima cosa, i membri della delegazione hanno dovuto dimostrare allenamento e tecnica sulla Schatzalp, scendendo in slitta da una pista in condizioni nevose davvero difficili. Nel pomeriggio sono seguite informazioni esaurienti sullo svolgimento del viaggio a Londra, in cui soprattutto la vista del Precamp a Wotton House ha scatenato un mormorio generale fra i candidati e le candidate. Il residence in puro stile inglese da villa di campagna ha suscitato in una candidata una gioia quasi infantile: «Guarda che castello! Sembra quasi quello di una principessa», ha dichiarato sbalordita

Formazione della squadra e molte nuove impressioni

Un ricco programma di tre giorni – le prime esperienze con le uscite pubbliche – numerose informazioni dagli esperti – vita vissuta in comune e molte nuove impressioni: il primo fine settimana insieme è il punto di partenza per riuscire a creare la squadra. Per tutti i candidati e le candidate questi tre giorni sono stati un’esperienza di vita unica, la prima di una lunga serie che seguirà questo anno. A riprova di ciò, i commenti in proposito sono fioccati. «Semplicemente grandioso», ecco cosa si può leggere sulla bacheca di facebook di Michael Bieli (tecnologo di stampa). Un altro era veramente sopraffatto: «Così tante cose nuove tutte insieme come in questo fine settimana non le ho mai vissute. . . Apparire per la prima volta sul palco di fronte a così tanta gente, andare in slitta per la prima volta, incontrare personalmente per la prima volta un Consigliere federale.»

Di certo sulla via per Londra ci saranno senza dubbio altre esperienze che farà per la prima volta.


Altre foto sono reperibili nella  galleria fotografica.