Il team svizzero nel suo elemento

04.07.13

La seconda giornata di gara è stata soddisfacente per la maggior parte del team svizzero. Il nervosismo è scemato e ogni candidato è ora completamente immerso nel suo elemento. Sono molti i genitori e i parenti, i rappresentanti delle associazioni professionali e artigianali e le autorità cantonali accorsi a Lipsia per avere un quadro diretto di questi Campionati mondiali delle professioni e delle prestazioni degli svizzeri.

Il lavoro procede e gli impianti e gli oggetti della competizione prendono lentamente forma. Lo stuccatore e muratore bernese, Serafin Steinemann, è soddisfatto del suo attuale lavoro e la giornata di oggi è stata per lui la più faticosa. Ciononostante, si è dimostrato abbastanza rilassato, all'insegna del motto "Non posso far altro che dare il meglio". Totalmente concentrato, non ha nemmeno realizzato che tutta la sua famiglia, fidanzata inclusa, stava facendo il tifo per lui ai bordi dello stand. Anche il piastrellista Thomas Siegenthaler di Mörigen (BE), dopo una riuscita giornata di gara, abbozza un sorriso. “Tutto si è svolto veramente bene. Ho avuto bisogno di meno tempo del previsto e ho finito già al mattino."

Gli ex in visita

Il fatto che le WordSkills per i giovani professionisti siano qualcosa di più di una semplice prova delle loro prestazioni professionali a livello internazionale, è dimostrato dall'ancora forte coesione che lega le ex candidate e gli ex candidati dei Campionati mondiali di Londra 2011, che (quasi una dozzina) sono giunti a Lipsia per incitare e sostenere i loro successori. "Possiamo goderci in pieno relax queste WordSkills e andare alla scoperta delle varie professioni. L'altra volta abbiamo avuto altri problemi e non abbiamo capito nulla di ciò che avveniva al di fuori della nostra postazione di lavoro", ha spiegato il meccatronico Reto Meier di Wiesendangen (ZH).

Andrin Caveng di Brigels (GR), che due anni fa ha vinto il bronzo nella categoria tecnici dell'impiantistica, e anche il piastrellista "dorato" Thomas Gugger di Heimenschwand (BE) conoscono le emozioni della competizione: "Soffriamo con loro e sappiamo perfettamente come ci si sente." Tutti gli ex sono d'accordo: "Le WordSkills sono un'esperienza unica, che racconteremo ai nostri nipoti e che resterà per noi indimenticabile, in quanto ci ha dato la possibilità di entrare in contatto e stringere amicizie meravigliose che dureranno tutta la vita".

+++ Scatti +++

Non c'è solo la House of Switzerland, ma anche la House of Liechtenstein.

La star TV canadese, Mike Holmes, è stata scelta come ambasciatore delle WorldSkills. Il suo marchio sono i pantaloni a salopette. È un convinto sostenitore della qualità professionale e di una buona formazione di base e la diffonde anche in televisione.

Oltre alla galleria immagini qui attivata, altre foto delle candidate e dei candidati svizzeri sono disponibili al seguente indirizzo: http://www.flickr.com/search/?w=37581433@N03&s=rec&q=WSC2013%20Switzerland

indietro

Immagini

Visualizzare tutte le immagini



Audio

Thomas Siegenthaler, Plattenleger
Serafin Steinemann, Gipser
Jenny Wüthrich, Floristin
Bruno Zindel, Möbelschreiner
Benedict Haener, Goldschmied
Lukas Hediger, Automobiletechnology
Michel Tinguely, Experte Automobiletechnology
Markus Niederer, Experte Sanitaer Heizung
RSI - rete tre - UPTODATE


Video


2. Wettkampftag

Visualizza documenti stampa relativi a queste News

Diario del team

Poco dopo le sei e un quarto, i candidati vengono svegliati dall’urlo di incoraggiamento di Timur. Recuperate le forze, il team si ritrova insieme a colazione prima di riunirsi davanti all’hotel per il primo urlo di incoraggiamento.

In seguito i candidati si dirigono con il tram presso l’area gare dove sono già giunti molti team di altri Paesi.

Il team svizzero intimorisce le altre nazioni con un secondo urlo di incoraggiamento seguito dall’inno svizzero cantato da tutti i membri.

Successivamente, i candidati raggiungono la propria postazione di lavoro e poco dopo ha inizio il primo giro di gare.

Il team svizzero esegue i compiti con sudore e lacrime. Nelle brevi pause, alcuni candidati rilasciano un’intervista disponibile nella maggior parte dei casi su Internet in giornata.

Verso le cinque del pomeriggio, il team svizzero rientra esausto in hotel.

Dopo un debriefing comune con i team leader, ci si ritira nelle proprie camere, dove dopo pochi istanti cade il silenzio.

Serafin Steinemann, candidato stuccatore e muratore